.
Annunci online

Irek
[We can be heroes just for one day] La libertà è probabilmente esprimere anche le differenze senza essere massacrati e essere se stessi senza far del male agli altri.

2 novembre 2009
finalmente è mia..
 

e ora chi mi ferma più?

Irek



permalink | inviato da Irek il 2/11/2009 alle 19:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
3 ottobre 2009
Senza parole.
 
(...)
Quali colombe dal disio chiamate
con l’ali alzate e ferme al dolce nido
vegnon per l’aere dal voler portate;
cotali uscir de la schiera ov’è Dido,
a noi venendo per l’aere maligno,
sì forte fu l’affettuoso grido.
«O animal grazioso e benigno
che visitando vai per l’aere perso
noi che tignemmo il mondo di sanguigno,
se fosse amico il re de l’universo,
noi pregheremmo lui de la tua pace,
poi c’hai pietà del nostro mal perverso.
Di quel che udire e che parlar vi piace,
noi udiremo e parleremo a voi,
mentre che ’l vento, come fa, ci tace.
Siede la terra dove nata fui
su la marina dove ’l Po discende
per aver pace co’ seguaci sui.
Amor, ch’al cor gentil ratto s’apprende
prese costui de la bella persona
che mi fu tolta; e ’l modo ancor m’offende.
Amor, ch’a nullo amato amar perdona,
mi prese del costui piacer sì forte,
che, come vedi, ancor non m’abbandona.
Amor condusse noi ad una morte:
Caina attende chi a vita ci spense».
Queste parole da lor ci fuor porte.
Quand’io intesi quell’anime offense,
china’ il viso e tanto il tenni basso,
fin che ’l poeta mi disse: «Che pense?».
Quando rispuosi, cominciai: «Oh lasso,
quanti dolci pensier, quanto disio
menò costoro al doloroso passo!».
Poi mi rivolsi a loro e parla’ io,
e cominciai: «Francesca, i tuoi martìri
a lagrimar mi fanno tristo e pio.
Ma dimmi: al tempo d’i dolci sospiri,
a che e come concedette Amore
che conosceste i dubbiosi disiri?».
E quella a me: «Nessun maggior dolore
che ricordarsi del tempo felice
ne la miseria; e ciò sa ’l tuo dottore.
Ma s’a conoscer la prima radice
del nostro amor tu hai cotanto affetto,
dirò come colui che piange e dice.
Noi leggiavamo un giorno per diletto
di Lancialotto come amor lo strinse;
soli eravamo e sanza alcun sospetto.
Per più fiate li occhi ci sospinse
quella lettura, e scolorocci il viso;
ma solo un punto fu quel che ci vinse.
Quando leggemmo il disiato riso
esser basciato da cotanto amante,
questi, che mai da me non fia diviso,
la bocca mi basciò tutto tremante.
Galeotto fu ’l libro e chi lo scrisse:
quel giorno più non vi leggemmo avante».
Mentre che l’uno spirto questo disse,
l’altro piangea; sì che di pietade
io venni men così com’io morisse.
E caddi come corpo morto cade



permalink | inviato da Irek il 3/10/2009 alle 10:41 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
22 settembre 2009
Perchè anche loro sono EROI.


Ogni giorno i morti sul lavoro aumentano, ed aumenta anche il silenzio.

Anche loro sono eroi.
E meritano rispetto, anche se non muoiono per una GUERRA che chiamano MISSIONE DI PACE.
Basta con il silenzio e con l'ipocrisia.


 

Irek



permalink | inviato da Irek il 22/9/2009 alle 16:19 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
11 settembre 2009
Qualcosa di sensato.
Un ritorno in grande?
Deve essere davvero qualcosa di sensato da poter scrivere.
Amo la vita, ne amo ogni sfaccettatura.
La amo anche se quello che vivo mi fa schifo, anche se sono spesso obbligata a fare
cose che non voglio.
Amo la vita, e mi piace anche giocarci.
Si è una cosa brutta, ma mi piace giocarci per viverla fino in fondo.
Mi sento molto Lisbeth Salander in questo momento, mi sento come quella piccola protagonista
di romanzi che assomiglia ad un manga per la sua assurdità.
Ma io sono sicura che anche lei cercasse qualcosa di sensato.

Forse con troppo fumo nei polmoni, forse con troppo ottimismo, ma vi auguro buonanotte.

Irek, che ora è proprio tornata.



permalink | inviato da Irek il 11/9/2009 alle 1:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
26 maggio 2009
Ad un bambino mai nato


Ovunque sei, ovunque andrai, porta con te dei ritagli di luce
so che ne sarai capace, so che già ne sei capace.
Qualunque strada percorrerai, tieni con te dei pezzetti di cielo,
so che lo farai davvero e li userai quelle volte
che vorrai provare a volare più in alto del vento
là dove solo il sogno riesce ad arrivare.
Ogni volta che perdi la via, guarda nel cielo e raccogli una stella,
se nei miei giorni camminerai, camminerò dentro ai tuoi,
per scaldarti quando cala la sera, per scaldarti quando viene la sera
e insieme volare più in alto del vento,
là dove solo il sogno riesce a sfiorare la vera libertà,
a trovare la vera libertà.
Io ti racconterò tutte quante le storie e le favole che ancora non sai
e vivrò in ogni tuo sorriso, nei respiri o dentro una lacrima che ti scende sul viso.
Dovunque sei, ovunue andrai, inventa le note più belle che puoi,
perchè se ci accompagna la musica, non fa paura la notte, non fa paura la notte




permalink | inviato da Irek il 26/5/2009 alle 22:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
5 maggio 2009
.

Tanti auguri a me




permalink | inviato da Irek il 5/5/2009 alle 17:41 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
24 aprile 2009
"voglio pratcare il sesso senza sentimenti"
Delle volte penso che vorrei uno specchio per vedere tutto quello che non riesco a vedere.
uno specchio magico.
Vorrei allontanarmi da tutto ciò che non mi fa esistere davvero, che mi tiene ancorata a qualcosa
che non sento più mio.
Mai capitato di voler chiudere ma non poterlo fare?
per mille motivi, motivi stupidi e per niente vincolanti anche. Però è così, l'uomo è talmente piccolo e fragile da avere paura della più minima cosa molto più che di sè stesso.
Aggrapparmi, a qualcosa che non è solo per sentirmi un po' meno sterile, ma poi a chi frega dei
miei commenti sulla vita.
Viaggiatori viaggianti da salvare.
siamo tutti un po' così, siamo tutti passeggeri di questa vita, e dovremmo salvarci un po'
di più piuttosto che ucciderci.

Irek, felice di essere tornata



permalink | inviato da Irek il 24/4/2009 alle 15:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
19 gennaio 2009
Colazione
 

SCUSATE L'ASSENZA

irek



permalink | inviato da Irek il 19/1/2009 alle 17:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa
17 novembre 2008
Quello che non sai
 

Quello che non sai (?)

Cosa porta due persone ad annullarsi a vicenda?
E' un pensiero fisso che da qualche settimana mi gira nella mente e ne prende il completo possesso.
Tutto finisce sempre in un modo sciolto nella rabbia, nel dolore o più semplicemente nell'orgoglio.
Ma quanto l'orgoglio dovrebbe influire  nei rapporti interpersonali?
e le bugie? e le mancanze?
Mi sembra così brutto non cercare di riparare tutto, e così brutto un rapporto forzato.
Quanto è giusto il modo in cui mi sto comportando? e il tuo?
I processi sono inutili, i miei, i tuoi, e forse anche delle persone che ci vogliono bene.
Ho sempre fatto in modo che tu non fossi sola, ma ti ci sentivi comunque e non sapevo cosa fare, sempre attaccata, sempre sulle difensive. Ma cosa ci è successo?
Si è bruciato tutto troppo in fretta forse. Siamo le stesse persone, in un modo o nell'altro. Vincolate dagli eventi, che non sappiamo gestire, perchè siamo troppo deboli, anche se facciamo le forti.
A cosa serve fare le forti?  Mantenere il punto? A me non serve a nulla.
E l'ho capito adesso, anche se non so se l'ho capito davvero visto che mi arrendo agli eventi. tagliamo i ponti come fossero strisce di liquirizia.
Non è un tentativo di riappacificazione, questa è la premessa messa dopo.
Non lo è perchè so che non lo vuoi.
Ho lottato per te, e lo farei mille volte, lo farei anche ora, che sono una falsa o che sono una che non ti calcola. o semplicemente uno scarto.
Non mi sono mai sentita uno scarto però. Neanche quando l'hai detto. Perchè questo vorrebbe dire che è sempre stato tutto finto e da parte mia non lo è stato. e credo neanche dalla tua, no?
D'altra parte non ti ho trattato io come uno scarto, perchè per te, e chiunque può confermarlo, avrei dato ogni cosa.
Ma siamo prede degli eventi, e non è giusto. non è giusto. non è giusto.
mi manchi ma non dovrebbe essere così, perchè tu non hai voluto\saputo lottare per me. non te ne frega nulla di perdermi (?)
LOTTA PER ME CAZZO. FAI QUALCOSA PORCA PUTTANA!
Ho sempre cercato di aiutarti. e non cerco comprensione. neanche voglio avere ragione per forza, perchè la ragione è relativa. ho sbagliato io ed anche tu. però non dire che non ho cercato di capirti, perchè l'ho sempre fatto, e forse è per questo che ora sto così e vado avanti pur sapendo di perdere qualcosa di importante.
ma tu no. per te tutto è superfluo, in un modo o nell'altro. non ti ho mai considerato superflua, neanche ora. non ne starei a parlare sennò.
ma se non vuoi lottare non importa. le forzature sono peggio del nulla.
Ti voglio bene



permalink | inviato da Irek il 17/11/2008 alle 19:35 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
25 ottobre 2008
Aushwitz- Francesco Guccini

Consiglio a chi non conosce questa canzone di ascoltarla.
E forse, anzi, sicuramente, se molti l'ascoltassero capirebbero un po' di più di quello che è passato. ma ci ferisce ancora.

http://www.youtube.com/watch?v=Wrg8bLaDs04

"Son morto ch'ero bambino

son morto con altri cento

passato per un camino

e ora sono nel vento

Ad Auschwitz c'era la neve

il fumo saliva lento

nei campi tante persone

che ora sono nel vento

Nei campi tante persone

ma un solo grande silenzio

che strano, non ho imparato

a sorridere qui nel vento.

Io chiedo come puo` un uomo

uccidere un suo fratello

eppure siamo a milioni

in polvere qui nel vento.

Ancora tuona il cannone

ancora non e` contenta

di sangue la bestia umana

e ancora ci porta il vento.

Io chiedo quando sara`

che un uomo potra` imparare

a vivere senza ammazzare

e il vento si posera`."


Irek




permalink | inviato da Irek il 25/10/2008 alle 11:52 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
21 ottobre 2008
Per una volta parlo senza aforismi.
                           
...


      Per tutti i momenti passati insieme 

                                                                     ...  


Sai chi sono e che non farei nulla per ferirti, e che sto aspettando solo te.
Ma quando mi dirai addio dovrai farlo sottovoce,mi sembrerà una frase d' amore.Quando mi dirai addio dovrai trovare parole brevi perché l' angoscia sarà lunga.Quando mi dirai addio dovrai farlo ad occhi chiusi per non vedere la vita fermarsi sul mio viso.


Irek



permalink | inviato da Irek il 21/10/2008 alle 9:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
29 settembre 2008
Tu Ed Io
Tu e io.
La calma sotto quel selvaggio e avvelenato fiume,
Tu e io.
Lacrime che si asciugano in uno scontroso bambino sveglio.
Dove guardi in basso
io ci son passata prima, fori che bruciano
con occhi di un marrone liquido.
Se solo avessimo saputo, in un modo (o nell'altro)
non avremmo raggiunto questo livello.
Sei la mia sola casa, occhi d'argento.
Ti voglio vedere brillare.
E sentiremo il peso
cadere in tempo da noi.
Cercando il nostro passato per la verità
Tu e io, tu e io, tu e io.
Tutto per te.
Dove credi che cadrai, ti adoro.
Dove imprigioni la tua anima? io la libererò.
Saprò, occhi d'argento,
Posso vederci mentre brilliamo.
Ho detto che sentiremo il peso del tempocadere su di noi.
Cercando il nostro passato per la verità
Tu e io, tu e io, tu e io.
Tutto per te.



permalink | inviato da Irek il 29/9/2008 alle 11:53 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
13 settembre 2008
Sarà che mi hai cambiato la vita <3
     

"moglietta e mammo per sempre"


               




Irek



permalink | inviato da Irek il 13/9/2008 alle 0:8 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa
7 settembre 2008
Irek si butta dall'ultimo piano, ma ha paura solo nell'ultimo metro
 
Questa foto l'ho fatta a Frontignano, su un monte bellissimo che ho avuto la forza di scalare.
                                PENSIERI (perchè si..penso.)
ed ora pernso che quando nasce qualcosa tra due persone, è sempre così fresco.
cioè avete fatto caso a come due persone si scrutano per vedere se poi effettivamente potrebbe
nascere qualche cosa, e parlo anche di amicizia.
Perchè è tutto così assurdo, ed è una situazione che però vorresti che durasse per
sempre, perchè in fin dei conti è bella come situazione, vedere solo, o sopratutto le cose
belle della persona che hai davanti.
E' devastante accorgersi che poi arriveranno le prime rogne, arriveranno i litigi, le parole
grandi, che stravolgono automaticamente quel mondo bonsai che ti sei creato.
E' un intrigante gioco di ruolo la vita. tutto sta a vedere dove ti porta, al paradiso o all'inferno.
io sono più per la seconda in questo periodo, come quel folle sulla collina di cui parlano i Beatles (vi consiglio di scaricare la canzone in questione, "The Fool On The Hill" dei beatles).
E' tutta una questione di equilibri la vita, un po' di là, e un po' di qua.
Nessuno è qualcosa e non è qualcos'altro.. e alla fine io ho deciso di accettarlo
Irek



permalink | inviato da Irek il 7/9/2008 alle 1:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
28 agosto 2008
Per Darkismy
Perchè Marta, voglio che tu stia bene

Ti voglio bene



Irek



permalink | inviato da Irek il 28/8/2008 alle 14:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
23 agosto 2008
E' ora che incominci a farmi conoscere un po' di più.. TeSt AmMaZzA nOiA
 

PRESENTATI: ho sempre odiato le presentazioni mi sanno molto di alcolisti anonimi.. comunuqe.. sono Irek

SALUTA: ehy

TI SENTI PIU’ UOMO O DONNA: ehm.. direi donna.. :\


CANTANTE O CORISTA: cantante! al cento per cento.


ULTIMA COSA CHE FAI PRIMA DI ANDARE A DORMIRE: mando la buona notte alle persone più care, e leggo fino ad addormentarmi col libro sulla faccia.

LA DONNA/UOMO IDEALE: deve colpirmi. c'è chi l'ha fatto. fisicamente dovrebbe avere i capelli lunghi, ma mi sono innamorata anche di un non-capellone 

ANIMALE DOMESTICO PREFERITO: Di mio mio, una cagnetta che si chiama Minù

CREDI IN DIO: Molto

COSA TI FA PAURA: I ladri, i gatti.

CHI E’ IL PIU’/LA PIU’ BELLA DEL REAME? ehh. mi fiondo sui personaggi famosi per non fare "nomi"... direi Kurt Cobain, era (è morto suicida), il più bello del mondo

PIATTO PREFERITO: la LIQUIRIZIA e la CANNELLA


BEVANDA PREFERITA: latte. o bayles


TOPOLINO O PAPERINO: al rogo entrambi, meglio i manga

CINEMA O MTV: cinema tutta la vita


COSA TI FA PIANGERE: diciamo escludento, dolori delusioni ecc. direi le canzoni che mi ricordano quei momenti


COSA TI FA RIDERE: il video dell'intervista doppia delle Iene con Irene Grandi, ogni volta che lo vdo (starò ad un milione di volte) scoppio a ridere..bha..


TAXI O AUTOBUS: autobus per costrizione

HAI MAI DEI RIMPIANTI: si, molto spesso rimpiango di non aver fatto gesti che avrei dovuto fare per salvare una relazione, mi tormentano.


SEI GELOSO/A: si molto, ma senza arrivare agli eccessi.. diciamo che soffro in silenzio

FAMOSI O SCONOSCIUTI: devono colpirmi, al dilà della posizione sociale

CHE CANZONE VORRESTI AL TUO FUNERALE: una mia

CANTA: ?

COME FINIRESTI UN DISCORSO: dipende che tipo di discorso..diciamo in modo comunque esaudiente


COSA DICI PIU’ SPESSO: non lo so. ... 

ULTIMA VOLTA CHE HAI PARLATO AL TELEFONO: alle 2.00

COSA HAI DA DIRE ? mi sono ridotta all'osso facendo sto test, ma tanto lo dico ogni volta..

 




permalink | inviato da Irek il 23/8/2008 alle 3:12 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa
16 luglio 2008
Per sette secondi
 Non guardarmi da lontano
Non guardare il mio sorriso
E non pensare che non sappia
Cosa c'è al di fuori di me
Non voglio che mi guardi e pensi
Che quel che c'è in te è per me
E quel che c'è in me è per aiutare gli altri

Immagino quali siano le ragioni che ci spingono a cambiare ogni cosa
Vorrei che dimenticassimo il loro aspetto esteriore
Così potranno essere ottimisti
Troppi sguardi alla deriva che fanno di loro dei disperati
Lasciamo le porte completamente aperte
Così potranno parlare del loro dolore e della loro gioia
Poi potremo dargli i consigli
Che ci uniranno

Non è questione di un secondo
Ne sono già trascorsi sette
Solo finché sarò presente
Aspetterò

Niente può farci scappare
Eppure dovremo scappare
Da quelli che ci tenteranno con le falsità
Per il figlio e la pietra
Cattivi nel profondo
L'uomo non è malvagio, nemmeno quando è appena nato
E quando un bambino nasce in questo mondo
Non sa
Che il colore della pelle gli vive dentro

Non è questione di un secondo
Ne sono già trascorsi sette
Solo finché sarò presente
Aspetterò

Ci sono milioni di voci
Ci sono milioni di voci
Che ti dicono cosa dovresti pensare
Sarebbe meglio che le ascoltassi per un secondo.




permalink | inviato da Irek il 16/7/2008 alle 21:27 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
8 luglio 2008
Di nuovo {Forrest Gump}
E' tanto che non scrivo.
Ogni giorno quando accendo il pc leggo le ultime righe che ho scritto, e mi mancano quasi di significato, e forse per pigrizai, o forse per nostalgia non premo quel pulsantino che mi permette di aggiornare.
Mi ritrovo spesso a pensare in questi giorni, sarà per mancanza di tempo da spendere con una effettiva produttività; l'altra volta per esempio mi sono essa a vedere Forrest Gump.
E' il mio film preferito, ma non lo vedevo da secoli, perchè avendolo solo in cassetta e non in dvd non sapevo dove proiettarlo, poi me lo sono trovato lì, allettantissimo in una Feltrinelli che conosco a memoria, anche un po' nascosto, e l'ho preso.
Ho acceso e mi ricordava di tutto un mondo che avevo quasi dimneticato, tipo quando mangi una cosa per una vita e poi incomincia a non sentirne neanche più l'odore.
Ho rivisto sopratutto la sofferenza di Jenny, il personaggio che più di tutti in tutta la mia vita mi ha appassionato.
Ricordo che per un certo periodo, che continua anche ora pensandoci, vivevo sulla mia pelle quello che lei poteva provare in quell'esatto momento, la gioia nel rivedere Forrest dopo la guerra (la scena stupenda dove lei attraversa la folla e quella enorme fontana e si abbracciano nell'acqua), oppure il freddo che percepisce salendo sulla ringhiera del balcone a capodanno, fatta e strafatta, ma sopratutto triste, o l'ansia di vivere dopo tutto, quando passa con Forrest il resto della fine della sua vita.
E' un film che amo, ogni fotogramma, ogni espressione di lei e lui.
Un modo per pensare.
Un modo per rivevivere, o solo per passare il tempo.

Tu l'hai gia' trovato Gesu' Gump ?. "Dovevo cercarlo? Non lo sapevo".


Irek



permalink | inviato da Irek il 8/7/2008 alle 19:53 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
30 maggio 2008
bello credere nei sogni

 " So chi sei vicino al mio cuor ogn'or sei tu.
    so chi sei, di tutti i miei sogni il dolce oggetto sei tu.
    Anche se nei sogni è tutta illusione e nulla più,
        il mio cuore sa che nella realtà atteso verrai, e che mi amerai
ancor di più "



 vuoi vedere che funziona?

Irek




permalink | inviato da Irek il 30/5/2008 alle 20:38 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
24 aprile 2008
E' impossibile che noi riusciamo a farci del male con le finte parole, come i regali a Natale
Gira la vita.
E' strano come vanno le cose, un mese in un modo e il mese dopo
tutto cambia.
confusione.
Una volta ho scritto su un foglio che la confusione è la vera perfezione dell'anima.
Non so come mi sia uscito.
la perfezione. insomma la perfezione non nasce dalla confuzione, o si?
Sono in un mare di nero
in un limbo senza fine, la confusione mi offusca la mente.


SONO INNAMORATA E VOGLIO RESTARE SOLA

sono forse pazza
Irek



permalink | inviato da Irek il 24/4/2008 alle 21:52 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
6 aprile 2008
Il sole di Creta
una partenza.
un viaggio. e tutto cambia. l'amicizia, l'amore, la passione e la ragione.
non pensavo che in una settimana si potesse cambiare così tanto, si potesse valutare una vita
in tutte le sue sfaccettature.
Ho pensato molto lì in quel di Creta.
Ho capito che delle volte le persone che hai vicino valgono o di più o di meno di quello che ti aspettavi.
Ho capito che la visione di una amicizia va sempre filtrata dal periodo che stai passando.
Ora avevo bisogno di qualcosa che non c'è.
verde rosso e blu.
Avevo bisogno di ciò che ha saputo darmi una persona che avevo sottovalutato, che non conoscevo probabilmente.
Mi sono chiusa a parlare per ore, dimenticamndomi i miei "doveri".
dimenticandomi di approvare ad oltranza.
Ho capito che se un'amicizia non viene spontaneamente coltivata è perchè sta marcendo, e forse è meglio lasciare andare, perchè delle volte il tempo risolve le cose.
Ho avuto  bisogno di mollare la presa, e ne ho tutt'ora.
Le conferme che voglio, che volevo, un po' ci sono state e un po' no.
Penso che le amicizie finiscono tutti i giorni.
E' grave solo in misura di quanto tu ritieni che sia così.
Forse lo è, ma bisogna vedere se il gioco vale la candela, se questa amicizia non è stata forse un po' troppo pompata.
Non penso sia così, e so che neanche tu lo pensi.
Però ho bisogno di vedere se è bianco o nero, perchè il grigio non esiste.
Non voglio le risposte ambigue a dei giochi forse troppo stupidi, non voglio che rimani in bilico per non dire la verità che dici di dimostrare.
perchè voglio più bene a te che a me. da una vita.
ma ti stai perdendo, e se dirtelo l'ennesima volta non serve a nulla. allora il tempo ci riserverà qualcosa di diverso.
ed ho paura che sia così.
ho fiducia però che non lo sia.
irek



permalink | inviato da Irek il 6/4/2008 alle 22:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
17 marzo 2008
Nel fuoco
La primavera è davvero cattiva
è falsa, perchè non è altro che l'inverno camuffato da qualcosa di più bello, che
probabilmente qualcuno apprezza di più.
La primavera mi fa paura, per un milione di motivi, perchè preannuncia il
caldo, e il caldo è fuoco. e il fuoco brucia.
Mi ricorda che tra poco si chiuderà una fase della mia vita, che probabilmente non vorrei che finisse.
Ma tanto è sempre la stessa medesima storia, i CAMBIAMENTi, e siamo sempre lì.
è solo che fanno davvero paura.
pochi mesi e addio a tutte le passeggiate all'una e mezza.
e addio a quei quattro piani, o quattro metri.
e addio alle riunioni, e alle cose, alle assemblee di cinema.
che strazio.
aspetti una cosa e quando la raggiungi te la portano via.
è triste
Irek



permalink | inviato da Irek il 17/3/2008 alle 22:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
5 marzo 2008
Parole che dette non hanno colore sussurrate al silenzio non fanno rumore
Quel cuore rosso di sangue non ha più valore, perchè tu l'hai voluto trasparente..

gli ho anche tagliato i cuori
tutti.

è anche meglio così, forse

Irek




permalink | inviato da Irek il 5/3/2008 alle 20:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
22 febbraio 2008
finito
senza rimnorsi.
a dire la verità non è che mi pesi poi tanto.
è stata una parentesi, carina come parentesi.
ma rimane parentesi..

bha pensavo di stare peggio
magari la botta sarà tra qualche giorno
Irek



permalink | inviato da Irek il 22/2/2008 alle 18:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
31 gennaio 2008
Prospettive che cambiano
Sto cambiando delle cose nella mia vita.
Prospettive.
Tante prospettive che cambiano..che ruotono, che sorridono perfino.
"Ti sento quando respiri" o "Lavi sai di bellezza oggi"..è di questo che sto parlando,
è di questa dolcezza, è di questa purezza che non pensavo di trovare più.
In ogni gesto, ogni respiro, ogni attimo che mi volto a guardarti e tu sei lì,
 nelle chiamate timide ma che fanno capire che stai piangendo, nel "un bacione" che ha un vero significato.

Nelle uscite a quattro a parlare e non parlare. Al cinema in un film che è un pretesto,
alla mia testa sulla tua spalla e la tua testa sulla mia.
A quella canzone che mi dice "Per me per sempre". Alle carte, quando mi aiuti ridacchiando.
Ai sorrisi senza motivo. A quelle volte che sei talmente timido che mi guardi con timidezza.
A quell'ultima ora del giovedì, a parlare di noi attraverso una macchina.
Agli occhi bassi. Alla gelosia che non pensavo di provare.
A quelle cose che dette sembrano enormi ma dimostrate sono normali.
Ai Rooney. Allo zaino rosso che abbiamo in comune.
Al "Progetto" di cui non ti ho ancora parlato. Alle foto sul telefonino. Alle lettere nell' ora di Greco.
Alle mani che hai, a paletta. Ai nostri due cupidi, Giacomo e Zorby.
A la vita che può essere vissuta in un'ora, di notte, ad aspettare l'autobus.
A quel "Ora io sto con te e basta". Ai messaggi il pomeriggio, la sera e la notte.
Ai sorrisi dall'altra parte dell'aula, discreti, perchè ciò che è nostro e notro e basta.
Alla vita contro la morte.
A noi.

Voglio chiedere grazie, perchè ora so che i morti possono resuscitare.


Irek



permalink | inviato da Irek il 31/1/2008 alle 21:8 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
23 gennaio 2008
how wonderful life is, now you’re in the world
Oggi mi sento bene.
Ora sto bene.
Non so, fa anche un po' strano dirlo, pensarlo.
Mi sto innamorando.
Già mi faccio i film sulle uscite a quattro con Zorby, già penso a quello che sarà, riuscendo però a vivere il presente.
Grazie, perchè ora sono più felice, grazie perchè non pensavo di poterlo essere, grazie perchè mi fido di te, perchè mi fai ridere, mi fai innamorare sempre di più con ogni tuo gesto, anche il più stupido, grazie perchè non avrei mai pensato di potermi affezionare a te, grazie perchè nei piccoli gesti ci metti tanto, tutto forse, grazie perchè ti voglio bene, grazie perchè il bene si tramuterà, forse.
Grazie mille volte, grazie perchè è bello averti vicino. tanto.




Irek



permalink | inviato da Irek il 23/1/2008 alle 20:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
19 gennaio 2008
"E' tutto un equilibro sopra la follia..sopra la follia.."
L'universo femminile è strano, davvero.
Allora disponiamo il discorso prima graficamente....

___________ <------ragazze leali carine e solidali

|||||||||||||||||||||||||||| <------ragazze subdole cattive e troiette

Le ragazze leali ( ___ ) ti aiutano e ti stanno vicine, ti consigliano, ti supportano e giocano con te a bowling, ridacchiando perchè poi in fondo facciamo un po' tutti schifo, però ci divertiamo, però ridiamo.
Le ragazze leali riescono a parlare meglio dietro una cioccolata che non c'è, un sorriso che invece c'è ma non dovrebbe esserci, che io, che lei, insomma sappiamo che non c'è davvero, eppure, andare avanti è il motto, sostenersi è il motto.
Le ragazze leali si rintanano con Ferdy e Lollo a casa di questo dopo una bella festa a sorpresa, finita troppo presto, a vedere vecchie foto, di lui, di altri, di viaggi e situazioni lontane, è lì con una crepes che invece di essere una è due, e che macchia un casino, ma chi se ne frega, tanto stiamo insieme.


Le ragazze troiette ( |||||||||||| ) fanno finta di esserti amica, ma lo fanno solo perchè si divertono a sentirsi potenti e belle e sexy e testa di cazzo.
Le ragazze troiette invitano il ragazzo che ti piace fuori e poi ti dicono che ti vedono benissimo con lui, che ti aiutera a conquistarlo, a stare insieme (troia.)
Le ragazze troiette sono talmente tanto complessate che hanno bisogno di denigrarsi per poi farsi dire che non è così, per sentirsi molto importante.
Le ragazze troiette vanno con con un milione di ragazzi sperado che ognuno sia quello giusto, sapendo che non è cos', ma lo dicono solo per poi sentirsi compatite quando "per disgrazia" lo lasceranno perchè lui vorrà avere, giustamente, più attenzioni.
Le ragazze troiette dicono che è tutto finito quando non lo è, e cercano di far trapelare la cosa in tutti i modi solo perchè vogliono stare al centro dell'attenzione.

Insomma a voi la scelta della "fazione".
Io le mie ideucce ce l'ho...oh si che ce l'ho.

ps. ascoltate Minuetto e vedete i Simpson.

Irek



permalink | inviato da Irek il 19/1/2008 alle 20:28 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
14 gennaio 2008
Oggi mi sento molto fan di David Bowie
" I'm up on the eleventh floor
And I'm watching the cruisers below
My heart's in the basement
My weekend's
at an all time low
He's down on the street
And he's trying hard
to pull sister Flo"


Bho mi sento stranda, mi sta pigliando una fobia assurda di diventare una povera fallita buona a nulla, impotente, vorrei fare un sacco di cosa. e invece sono mort

And so the story goes
they wore the clothes
They said the things
to make it seem improbable
The whale of a lie
like they hope it was
And the Goodmen of Tomorrow
Had their feet in the wallow
And their heads of Brawn
were nicer shorn
And how they bought their positions with saccharin and trust


Ho una necessità assurda di parlarne con qualcuno, o scoppio davvero.
E me ne vado, stavolta per sempre..




Irek




permalink | inviato da Irek il 14/1/2008 alle 19:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
30 dicembre 2007
Lady Diana alla ricerca dell'amore
Ho sempre creduto che questp mondo fosse una merda perchè riesce a plasmare a suo piacimento ogni cosa, ogno persona, specialmente, pare ci si provi più gusto, da morta.
Lady Diana Spencer, è una persona che, fin da viva, mi aveva sempre affascinato, la vedevo come solo una bambina la può vedere, incantata, quasi eterea, leggera.
Incarnava in me la perfetta rappresentazione di una principessa, come neanche le Barbie che si vendevano nel periodo natalizio potevano sembrare; l'adoravo, come adoravo Bill Clinton (strano rapporto).
Vedevo e vedo nei suoi occhi qualcosa capace di illuminare il mondo, di cambiarlo forse...non sta di certo a me dire se fosse così o meno, ma perlomeno me ne dava l'impressione.
Mi ero però obbligata a non comprare quelle decine di libri che sono stati pubblicati dopo la sua morte, non mi andava bene ce qualcuno facesse soldi su un'anima così perfetta che ora, forse non lo è più, -no! dicevo, rifiutavo completamente, però ero decisa a sapere tutto su di lei su questo angelo, e ho visto documentari ricostruzioni fedeli, ho dvd...e poi oggi, che oramai è ieri, vedo tutti questi libri su uno scaffale, ho letto il titolo ho guardato le foto, c'era il celebre di quell'imbecille patentato di Paul Burrell ("al servizio della mia principessa.."), quello mi rifiuto assolutamente di comprarlo, talmente è finto, sembra Beautiful.., poi ho visto quello nuovo, mi ha tentato molto, ma no..me lo farò comperare..e poi ne ho visto un altro ("Diana:alla ricerca dell'amore" di Andrew Morton) mi ha colpito la foto in copertina, il sorriso di Diana aveva una strana sfumatura.
Ora lo sto leggendo, è un'analisi molto ben fatta e sopratutto rispettosa..
Ci manchi, ci vuole una persona come te in questo mondo di merda
Irek




permalink | inviato da Irek il 30/12/2007 alle 0:12 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
18 dicembre 2007
Passerà, per me e per te
Pensavo a quanto faccio difficoltà ad esprimere quello che provo nei riguardi di qualcosa o qualcuno..
Cioè alla fine ho paura di essere banale, non so consolare, ma ho bisogno di essere consolata, insomma che razza di persona potrebbe volere una cosa del genere?
Mi dispiace, per tutto quello che un paio di persone a cui voglio bene stanno passando, e mi fa male sapere di non riuscire neanche a dire un banale "mi dispiace", cioè io lo penso, insomma è ovvio che mi dispiace, ma non mi escono e non riescono ad uscire quelle due parole del cazzo.
Bho forse perchè dipende molto dal fatto che prevale la rabbia nei confronti della persona o della cosa che fa soffrire le persone che amo, o solo per una timidezza o una freddezza senza confini.
Quindi te lo dico così, in questo modo squallidissimo però abbastanza diretto: MI DISPIACE.
Mi dispiace per quello che stai passando e che fatichi a tirare fuori, mi dispiace perchè ti sembro egoista, ma il fatto è che non mi sfogo mai e tu sei la mia salvezza, mi dispiace perchè non posso fare nulla e mi fa male sapere che stai male, mi dispiace perchè ti voglio troppo bene per poter essere obbiettiva in ogni cosa, mi dispiace perchè mi dispiace, mi dispiace se piango o lo fai tu, perchè succederà, l'avevamo messo in conto.
Mi dispiace, ti voglio bene
Irek



permalink | inviato da Irek il 18/12/2007 alle 23:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia
  
Cerca

Feed

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 53053 volte